Ben Dj, super star della neo funky music house. Di Bepi Marzulli

Ben Dj, photographed by Gerti Ibra. Clothes by Never Enough © Ben Dj

Milanese d'adozione, deejay ufficiale della Bullona a Milano, Ben Dj è una vera e propria star per chi ama la musica dance, un nome ampiamente conosciuto negli ambienti esclusivi di tutto il mondo. In attesa di rivederlo dopo il confinamento, continua a farci ballare a casa nostra con il suo nuovo disco ‘Ben Dj nell’aria 2021’, un remix di Marcella Bella uscito il 5 febbraio.

dj coverL’innata passione di Ben Dj per la musica lo porta ad esibirsi nelle più importanti discoteche, con un suono misto e molta energia che trasmette ai suoi fan e al pubblico. I suoi dj-set lo portano sempre in giro per il mondo, da Milano a Miami o Ibiza e Dubai, dall'Europa all'Asia, passando per l'Arabia Saudita.

Ben Dj ha iniziato da bambino, quasi per gioco, e in poco tempo è riuscito a conquistare il consenso del pubblico e ad entrare nell'Olimpo delle classifiche mondiali della dance music. Ben Abdallah Taoufik, alias Ben Dj, è nato a Tunisi il 1° marzo 1968 sotto il segno dei Pesci. Dopo un lungo periodo trascorso come animatore nei villaggi turistici, nel 2000 si trasferisce a Milano dove inizia la sua grande ascesa verso il successo. Oggi adora Milano e non la cambierebbe con nessun'altra città al mondo, “Sette anni fa, quando è iniziata la crisi economica, Milano era triste, c'era un'energia negativa nell’aria e io sono fuggito a Miami per lavorare. Milano è bella, la gente è fantastica, ci sono nuovi e bei ristoranti, grattacieli... Milano è cresciuta tanto, è diventata davvero grande. Poi, con i Giochi Olimpici del 2026, si svilupperà sempre di più e in modo positivo. Milano sta spaccando e i milanesi ne sono molto gelosi della loro città e la rispettano. Hanno nel DNA l'orgoglio per la loro città!”

dj 2Ben Dj, photographed by Gerti Ibra. Clothes by Never Enough © Ben Dj

Fin dai suoi inizi ha suonato nei migliori club del mondo e Ben Dj ha conquistato grandi nomi come: Tiesto, Bob Sinclar, Blasterjaxx, Steve Aoki, Oliver Heldens, Fat Boy Slim e molti altri che suonano anche la sua musica nei loro dj-set e programmi radio.

Lo stile di Ben dj è la musica house con un beat minimale e una linea di basso vicina al funk, a cui aggiunge la voce. Insomma, Ben ama quella che chiama ‘la musica bella’: “Mi piace il dj colombiano-americano Erick Morillo, morto lo scorso settembre a Miami, noto per il suo hit ‘I Like to Move It’. Anche Roger Sanchez, che ha iniziato a mixare all'età di 13 anni!. Negli anni '90 ha fatto dei remix per Michael Jackson e Diana Ross. Quando, quando ascolto la musica, sono molto romantico, amo Charles Aznavour, Joe Dassin, la musica francese degli anni '60 e i cantanti italiani, Celentano, Mina. Ho una passione per la musica funky degli anni '70, George Clinton di ‘We got the funk’, Michael Jackson, James Brown e lo stile delle band 'Tentation' e 'Earth, Wind and Fire'.” Le hit mitiche che l’hanno fatto ballare prima di diventare un dj? “Bob Marley, Jimmy Cliff, Modern Talking, The Rhythm of the Night, gli anni '80”, ci dice Ben Dj.

dj 2Ben Dj, La Bullona's official deejay © Ben Dj

Ben, con la musica classica si può lavorare?

“Io vorrei mixare ogni disco del mondo, classico, cartoni animati, tutto si può fare.”

Ha visto lo spettacolo di Capodanno di Jean-Michel Jarre nella cattedrale di Notre-Dame a Parigi?

“Certo! Il grande Jean-Michel Jarre della mia infanzia. Lui è pazzesco, a 73 anni è sempre il numero uno, ha una creatività e un’energia incredibili. Amo il suo brano ‘Oxygène’.

Si sa poco della vita privata di Ben Dj. Ama il mare, tenersi in forma e si dichiara single nonostante frequenti luoghi pieni di belle donne e celebrità. Il suo account Instagram Btsound è interamente incentrato sulla sua carriera e sui suoi progetti:

 

Bisogna pensare in modo positivo e non lamentarsi troppo. Ci siamo resi conto con il Coronavirus che dobbiamo goderci di più la vita, vivere ogni bel momento. La priorità è la salute, poi il lavoro per poter mangiare, poi l'amore. Questo è quello che io chiamo saper vivere. La vita è semplice, ma la gente la rende più difficile con un sacco di richieste materiali. Mi considero fortunato perché, nonostante tutto, ho avuto un buon anno e sono felice di iniziare l'anno 2021 con nuovi progetti.”

 

Durante le sue serate, è semplicemente impossibile stare fermi. Quando è alla consolle, Ben sa come coinvolgere tutti i tipi di pubblico. Il ritmo cambia sempre, le melodie sono sempre presenti e l'energia incontenibile di questo artista fa sempre la differenza.

dj 2Ben Dj, photographed by Gerti Ibra. Clothes by Gaga sartorial Napoli © Ben Dj

Ben, che cosa è la qualità nel suo lavoro?

“La qualità è la musica stessa. Poi, io ho sempre un occhio sul pubblico, a differenza di altri dj che fanno musica per sé stessi, lo sguardo fisso sulla consolle. Milano ha ormai raggiunto Londra, Parigi e molte capitali mondiali in termini di qualità e di esigenze del pubblico, quindi se non raggiungi i livelli di qualità richiesti, non vai da nessuna parte! È come quando faccio un disco: se non è di qualità in ogni dettaglio, non può avere successo. Alla Bullona dove lavoro, Pino Scalise il proprietario, si preoccupa molto della qualità del cibo, del vino, del modo in cui i camerieri servono, della pulizia e dell'immagine del locale. Anche le opere d'arte di autori come Pomodoro, Fontana, Castellani, Bonalumi sono state scelte per soddisfare i clienti. Ma la qualità si sente anche nel modo di parlare, di vestire e di comportarsi, che deve essere dettato anche da rispetto e valori morali. Il carisma è importante nel mio lavoro.”

cover dominech

La sua firma? Pino Scalise, l'imprenditore milanese, proprietario della Bullona e del Gattopardo, ci dice: “Sa interpretare la serata in base alle persone presenti in sala. Lavora a testa alta, osservando e seguendo le persone. La maggior parte dei Dj lavora a testa bassa, guardando solo la consolle, suonano per sé stessi. Lui gioca per il pubblico”.

La difficoltà che incontra nel lavoro?

“L'esperienza è la cosa più importante. Sono capace di far ballare 10.000 persone a un festival e la clientela della Bullona a Milano allo stesso tempo. La complessità è che, essendo la Bullona un ristorante, bisogna gestire bene la musica in modo che la gente resti a tardi. Devono divertirsi e per farlo bisogna essere bravi alla consolle. La vera difficoltà di questo lavoro, è avere un carattere forte per non cadere nel mondo della droga, dell'alcool e del tabacco. Bisogna avere i piedi ben saldi a terra, essere concentrati su quello che è un lavoro e non un gioco. La forma fisica è anche essenziale per resistere al dispendio di energie e trasmettere fiducia al pubblico. Non trascurare mai la salute e il corpo, perché la notte può divorarci in un istante e poi è difficile tornare in pista. A parte questo, dopo avere praticato questo lavoro per così tanti anni, posso risolvere facilmente qualsiasi problema.”

dj 2Ben Dj, photographed by Gerti Ibra Clothes by Dolce & Gabbana © Ben Dj

Ben Dj è di casa per anni nelle feste che contano, in tutto il mondo. È spesso la star musicale alle feste del calendario Pirelli. Tra le sue numerose produzioni: 'Me & Myself', 'Sorry', 'I'm In Love', 'Freedom Call', 'Smile', 'Everlasting Love' e 'Thinkin' bout You' (2016), 'Hold Tight' (2017), 'Sex on Fire' (feat. Eon Melka), 'Good Life' (2020) e 'Ben Dj Fire Away' (agosto 2020), ‘Ben Dj nell’aria’ (2021).

 

Progetti per il 2021? “Sono prima di tutto il dj ufficiale della Bullona di Milano, del Cairo e di quello di Sharm el-Sheikh che aprirà presto. Poi in estate mi sposto a Forte dei Marmi dove lavoro per il Twiga e al Crazy Pizza. La novità è l'uscita il 5 febbraio del mio nuovo album, un remix di Marcella Bella Ben Dj nell'aria 2021, un gioco di parole per dire che vorrei davvero cambiare aria nel 2021. Come tanti di noi. L'album sarà su tutti i portali, Spotify, iTunes, youTube, ovunque.”

 

Lavora alla Bullona da anni, che cosa ha di particolare?

“È un luogo eccezionale. La qualità della Bullona è l'immagine del suo proprietario, Pino Scalise: come parla, come si veste, è colto, intelligente, un imprenditore che è sempre un passo avanti. Oggi, La Bullona è un successo mondiale, la gente chiama da tutto il mondo per prenotare. Il ristorante è sempre pieno di clienti che vengono a cena e a volte rimangono fino alle quattro del mattino. Proprio come un piatto ha bisogno di ingredienti di qualità, l'ingrediente migliore de La Bullona è l'energia positiva di tutta la squadra, tutti i dipendenti fino al dj danno il meglio di sé.”

dj 2La Bullona restaurant in Milan © bullona.com

Qual è il suo sogno, la festa che vorrebbe fare?

“Ho lavorato in tutto il mondo, da feste di 10.000 persone con VIP o non VIP a folli feste private, ho fatto di tutto. Naturalmente mi piacerebbe fare festival come il ‘Burn Aid’ o altri simili. Ma quello che voglio più di tutto è continuare a fare il mio lavoro: intrattenere la gente con la mia musica.”

Il suo mestiere è anche un lavoro di seduzione: deve suscitare emozioni e ammirazione nel pubblico?

“Quando sei un animatore, basta indossare la maglietta del ruolo per suscitare simpatia nel pubblico, soprattutto femminile. Per un dj è la stessa cosa perché fai divertire la gente. Non sono bello, ma so di essere apprezzato dalle donne perché ho un ‘savoir-faire’ speciale con loro, dopo anni di esperienza come animatore nei club di vacanze come il ‘Club Med’ e poi come dj. Metto bene la musica giusta, ho lo sguardo giusto, so ballare bene, quindi basta una frase per scatenare energie molto positive.”

Come sono andate per lei le feste un po’ particolari di Fine Anno 2020?

“Ero alla Bullona del Four Seasons Hotel del Cairo. Tutti gli ospiti e il personale dovevano presentare un test negativo prima di entrare nel locale, così la gente era più rilassata. Era bellissimo, con bella gente del Cairo e tanti stranieri, americani e molti VIP. L'atmosfera era magica, tutti volevano superare la crisi e divertirsi. C'era un'energia molto strana nell'aria, come se stessimo ballando in un rifugio sotterraneo e fuori ci fosse la guerra. La gente si comportava come se il mondo dovesse cadere a pezzi il giorno dopo, un'euforia gioiosa e contagiosa.”

Il segreto del successo?

“Nella vita il carisma è la cosa più importante, anche alla consolle. Posso mettere ‘Heidi’, e so quando è il momento di metterlo, la gente balla perché l’ho messo io. Se un altro dj mettesse ‘Heidi’, la gente gli romperebbe la testa. Bisogna anche saper essere umili. Io sono una persona normale e nessuno può immaginare che faccio il dj. Sono a Milano da vent'anni ormai, e se sono ancora al top è perché sono stato umile sia nella vita che alla consolle. Dopo tutto, oggi siamo qui, forse domani non ci saremo più. Poi, i miei manager sono persone che parlano tra loro e io lavoro molto con il passaparola. Faccio molte feste private per VIP, perché sanno che quando Ben è alla consolle, i loro ospiti si divertono. Il segreto di questo lavoro è l'energia, il carisma e le relazioni pubbliche.”

Leggi di più: www.qualitymilan.com

 


 

Milanese by adoption and the official dJ at ‘La Bullona’ in Milan, Ben Dj is a true star for those who love dance music. While waiting to get back on stage following confinement, he keeps us dancing at home with his new album, ‘Ben Dj in the Air 2021’, a Marcella Bella remix, out 5 February.

dj 2Ben Dj, La Bullona's official deejay © Ben Dj

His innate passion for music is expressed in his mixed sound, his high energy surging through the crowds. Ben Dj spins at some of the world’s hottest dance clubs, from Milan to Miami, from Ibiza to Dubai, throughout Europe and across Asia, even passing through Saudi Arabia.

Ben Dj started young and it didn’t take long for him to reach the heights of world rankings for dance music. Following a number of years as an entertainer at vacation villages, in 2000 he relocated to Milan, where he began his meteoric rise to success. “Milan is beautiful” he tells us. “People are fantastic, there are amazing restaurants, skyscrapers… Milan has really grown a lot, it’s become truly great. Now with the 2026 Olympics, it will develop even further, and in the best way. The Milanese are quite proud of their city and they really respect it.”

dj 2Ben Dj, photographed by Gerti Ibra Clothes by Never Enough © Ben Dj

From the very start he played in some of the best clubs in the world, drawing the praise of such greats as Tiesto, Bob Sinclair, Blasterjaxx, Steve Aoki, Oliver Heldens, Fat Boy Slim, and many others who play his music in their own sets and radio shows.

Ben Dj’s style is House with a minimal beat and a base line that resembles funk, then laying on voices. Put simply, Ben loves what he calls ‘beautiful music’: “I like DJ Rick Morillo, who passed away last September in Miami, best known for his hit, I Like to Move It. Also Roger Sanchez. When I listen to music, though, I’m more romantic. I love Charles Aznavour, Joe Dassin, French music from the 60s, and Italian singers like Celentano and Mina. I have a passion for the funky music of the 70s… George Clinton, Michael Jackson, James Brown, and the style of bands like Tentation and Earth, Wind & Fire.” The iconic hits that had him dancing before becoming a DJ? “Bob Marley, Jimmy Cliff, Modern Talking, The Rhythm of the Night, the 80s,” he tells us.

Little is known about Ben Dj’s private life. He loves the sea, he keeps in shape and claims to be single despite spending so much time in places full of beautiful women and celebrities. His Instagram account Btsound is entirely centred on his career and his plans:

 

“You’ve got to think positively. Health is a priority, then work so you can eat, then love. This is what I call knowing how to live. Life is simple, but people complicate it with loads of material demands. I consider myself lucky because I had a good year and I’m happy to be starting 2021 with new projects.”

 

In the evenings, it’s impossible for him to keep still. When he’s at the console, Ben knows how to energize every kind of crowd. The rhythm is constantly changing, there’s always a new melody, but it’s the raw uncontainable energy of this artist that truly makes the difference. 

dj 2Ben Dj photographed by Gerti Ibra in Milano. Clothes by ‘Make Money Not Friends’ © Ben Dj

Ben, what constitutes quality in your work?

“Quality is music itself. But I’ve always got my eye on the crowd, unlike some other DJs who make music just for themselves, their gaze firmly fixed on their console. Milan has now reached the level of London, Paris, and many other world capitals in terms of quality and the expectations of the crowd. So unless you give them what they’re expecting, you won’t be going anywhere! But quality is also perceived in how you speak, how you dress, how you act, which must always be driven by respect and values.”

Pino Scalise, the Milanese entrepreneur, owner of La Bullona and Il Gattopardo and the one who signed Ben Dj, tells us, “He knows how to interpret the evening according to who’s in the room. He works with his eyes up, observing and following the people. He plays for the crowd.”

What are some of things that are difficult about your work?

Experience is the most important thing. The real difficulty in this line of work is having a strong enough character to avoid falling into the world of drugs, alcohol and tobacco. You’ve got to keep your feet on the ground and concentrate on what you’re doing, which is a job, not a game.”

dj 2Ben Dj at La Bullona Cairo, December20/January21 © Ben Dj

Ben Dj is often the musical star at the festivals on the Pirelli calendar. Among his numerous productions: Me & Myself, Sorry, I’m in Love, Freedom Call, Smile, Everlasting Love, and Thinkin’ bout You (2016), Hold Tight (2017), Sex on Fire (featuring Eon Melka), Good Life (2020), and Ben Dj Fire Away (August 2020), Ben Dj in the Air (2021).

 

Projects for 2021? “Before anything else, I’m the official DJ of La Bullona of Milan, Cairo, and Sharm el-Sheikh, which is opening soon. My new album ‘Ben Dj in the Air 2021’ is a remix of Marcella Bella’s. The album will be available on Spotify, iTunes, YouTube, everywhere.”

 

You’ve been working at La Bullona for years. What’s so special about it?

“It’s truly an exceptional place. Now it is a world-class success, people call from around the world to make reservations. The restaurant is always full of customers who come for dinner and sometimes stay until four in the morning.”

Tell us about your dream event, the one you’d love to put on.

“I’d love to put on a festival like ‘Burn Aid’ or something like that. But what I want to do most of all is just keep doing my job: entertaining people with my music.”

Your craft is also a work of seduction. Do you need to inspire emotion and admiration?

“When you’re an entertainer at a vacation village, all you need to do is put on a polo shirt with the logo and people automatically like you. For a DJ it’s much the same thing because you’re working to help the crowd just have fun. I know that I’m fairly popular with the ladies. I have a special savoir-faire with them, after years of experience as an entertainer in vacation villages like ‘Club Med’ first, then as a DJ. I’m good at putting on the right music for the moment, I’ve got the right look, I can dance well, so it really only takes a word to get the good energy flowing.”

dj 2Ben Dj, La Bullona's official deejay. Photo Gerti Ibra. Clothes by Never Enough © Ben Dj

How did this rather particular holiday season go for you?

“I was at La Bullona at the Four Seasons Hotel in Cairo. All guests and personnel had to present a negative test before entering, so people were more relaxed. The atmosphere was magic, everyone just wanted to forget about the crisis and have a good time. People acted like the world was going to fall to pieces the next day, the sheer euphoria was contagious.”

And the secret to your success’

“In life, the most important element is charisma, even at the console. A degree of humility is also required. I’ve been in Milan for 20 years now, and if I’m still at the top it’s because I’ve been humble both in life and at the console. My managers all talk among themselves and I have had much of my work by word-of-mouth. The secret to this job is energy, charisma, and public relations.”

Read more: www.qualitymilan.com